Comitato per il No - Referendum sul divorzio, Caruso

    Committente: Comitato per il No - Referendum divorzio

    Anno: 1974

    Durata: 2.54

    Tipo Spot: Elettorale/Electoral

    Tipo Elezioni: Referendum

    Numero Spot: 0223

    Descrizione:

    Filmato realizzato dal Comitato per il No al referendum sul divorzio. Il protagonista è l'attore Pino Caruso ripreso in un set cinematografico. L'attore inizialmente recitando davanti ad uno specchio parla dell'importanza del "No" e del suo significato a seconda dell'intonazione che gli viene data; passa poi nello specifico a motivare il perchè si deve votare "No" al referendum sull'abrogazione della legge del divorzio "Pensate quanto sono generosi e civili quelli che sono favorevoli al divorzio, divorziano loro se ne hanno necessità, ma non obbligano quelli che non ne hanno necessità a divorziare invece chi è contrario al divorzio pretende che chi ha la necessità di divorziare non divorzi; insomma noi gli diciamo fate quello che vi pare e loro ci dicono fate quello che vogliamo noi...questa è una prepotenza, noi a questa prepotenza dobbiamo dire: No No No!". Caruso, mostra infina come si vota, barrando il "NO" su una grande scheda elettorale appoggiata su un cavalletto. ** Spot concesso dall'Archivio Audiovisivo Movimento Operaio e Democratico (Aamod): tutti i diritti riservati **

    Storia:

    Questo filmato, assieme ad altri tre realizzati in occasione del referendum per l'abolizione del divorzio nel 1974, costituisce un documento particolare. Il filmato infatti era destinato alla proiezione nelle sale cinematografiche e non alla trasmissione nella televisione pubblica - dove gli spot non erano ancora presenti - o nelle reti private - a quell'epoca inesistenti in Italia-. Questo filmato costituisce quindi un antenato dei futuri spot politici destinati alla programmazione televisiva, realizzati dai partiti italiani solo a partire dalle elezioni del 1979. Rispetto ai registri della comunicazione politica del 1974 i quattro filmati risultano innovativi sotto molti punti di vista e contengono molti degli aspetti e dei tratti che verranno ripresi e amplificati dagli spot politici televisivi, quali l'uso di testimonial famosi del mondo dello spettacolo, il ricorso all'ironia, l'utilizzo di registri e stili seduttivi propri della comunicazione pubblicitaria.